• 1 (63)
  • rif 849 (44)
  • rif 849 (37)
  • 1 (24)
  • 1 (26)
  • 1 (28)
  • 1 (64)
  • 1 (65)
  • 1 (44)
  • rif 849 (17)
  • rif 849 (20)
  • rif 849 (19)
  • 1 (31)
  • 1 (46)
  • rif 849 (30)
  • 1 (50)
  • 1 (68)
  • 1 (51)
  • rif 849 (3)
  • 1 (23)
  • rif 849 (8)
  • 1 (13)
  • 1 (15)
  • rif 849 (14)
  • 1 (17)
  • rif 849 (5)
  • 1 (19)
  • rif 849 (35)

Property ID : 1056

Vendita €105.000,00 - Casa e giardino, Casa Indipendente, Casolare, Rustico
180 3 Bedrooms 4 Bathrooms 1 Garage
 
 Add to Favorites
Print

In una bella e tranquilla contrada, poco distante dal centro di Atessa, è in vendita un casolare con annesso cottage.

Il casolare è su due livelli ed è così ripartito:

al piano terra garage, cantina con bagno; piano rialzato ingresso, cucina, sala, soggiorno, bagno; piano primo 2 camere da letto, cameretta, bagno, soffitta. La depandance/cottage è su un solo livello, ha una cucina completa e bagno. Il giardino incornicia i due caseggiati.

Superfici: abitazione principale mq 138; garage mq 22; cantina con bagno mq 29;  depandence mq 42; soffitta   31 mq; giardino mq 500

Utenze: acqua, luce, fogna, impianto termico GPL

Caratteristiche: la proprietà è in bella posizione panoramica e si presta per finalità turistiche/ricettive

Distanze: mare  Adriatico 17 km, aeroporto Pescara 65 km, aeroporto Roma 265 km, centro paese 9 km.

Classe energetica: F

Tutti i motivi per cercare casa ad Atessa

Cercare casa ad Atessa, in provincia di Chieti, significa immergersi in un mondo di impronta medievale circondato dallo scenario naturale della comunità montana Valsangro, godendo al tempo stesso di ogni privilegio e comfort offerti dalla modernità. L’immenso patrimonio storico e artistico di cui gode la città, la più grande per estensione della provincia di Chieti, fa infatti da contraltare allo sviluppo economico conosciuto a partire dall’apertura del complesso industriale Honda-Sevel. Il processo di industrializzazione, partito fra gli anni Settanta e Ottanta, ha portato la struttura economica cittadina a evolversi da un modello prettamente agricolo-artigianale al dinamismo di una società tipicamente industriale, senza rinunciare a una spiccata identità che fa di Atessa un vero e proprio gioiello, tutto da scoprire  e da vivere.

Atessa, antica città di stampo medievale

La lunga storia di Atessa risale al V secolo dopo Cristo, subito dopo la caduta dell’Impero romano d’Occidente. Ma è con il Medioevo che la città conosce il suo periodo di massima fioritura, divenendo nel XV secolo la località prediletta dalla regina Giovanna II di Napoli. Dopo Lanciano, Atessa è la seconda città della Val di Sangro meglio conservata, con un’impronta storica evidente nei vicoli, nelle chiese, nei palazzi. Le tracce medievali si affacciano da ogni angolo anche se, intorno alla metà del XVIII secolo, molte strutture vennero modificate con il cotto, secondo i dettami del tardo-barocco. Il centro storico attuale nasce dalla conurbazione di due insediamenti che risalgono al periodo longobardo (VI secolo), “Ate” e “Tixa” (da cui la città prende il nome), che oggi corrispondono ai rioni di Santa Croce e San Michele.

Atessa e la sua architettura

A saldare i due rioni di Atessa c’è il Duomo di San Leucio (XIII-XVIII secolo). Gli agglomerati intorno presentano la tipica struttura elicoidale di una città interessata da diversi processi di espansione. Le case ad Atessa sono posizionate sulle linee di questa evoluzione, dialogando con la storia della città. L’antica Tixa, oggi Santa Croce, si ramifica attorno a piazza Castello mentre l’anello più esterno (Via Menotti de Francesco), funge da raccordo fra largo Municipio e piazza Santa Croce con l’omonima, antichissima chiesa. L’antico disegno del circuito murario è scandito dalle chiese di Madonna della Cintura, Porta Santa Margherita, slarghi e muraglioni. A sud di San Leucio c’è il borgo di Ate (San Michele), con una struttura a chiocciola culminante in largo Torretta. In questa zona di Atessa la chiesa principale è quella di San Michele (VII-XIX secolo). Nel quartiere ci sono vari palazzi storici, come Palazzo Spaventa, oltre alle chiese di San Rocco, Santa Maria Addolorata e san Giovanni.

I palazzi di Atessa

Oltre alle tantissime chiese, sono innumerevoli le architettura civili di Atessa, da Palazzo degli Scalera o Casa De Marco in Largo Castello a Palazzo Carunchio in Santa Croce, da Palazzo Flocco sempre in Largo Castello fino a Palazzo Coccia-Ferri nel quartiere San Michele in via Belvedere. Ci sono poi Palazzo del Municipio, che è un ex Convento dei Domenicani, Palazzo Spaventa, Palazzo De Francesco, Palazzo Marcolongo, Palazzo Marcone, Casale San Marco, Villa Satrino. Insomma, avere una casa ad Atessa significa vivere in un luogo ricco di scorci, suggestioni, architetture religiose, civili e anche militari: Atessa, infatti, era una città dotata di una cinta difensiva con torri e porte di accesso, di cui sono ancora visibili diverse vestigia, ossia le tre porte superstiti, la torretta circolare e resti dei beccatelli appartenuti a una torre distrutta.

 Atessa fra folclore, religione e leggenda

Ad Atessa folclore e tradizione sono alimentati dalle leggende sulle origini della città. Si racconta che un tempo, nel vallone di Rio Falco, vivesse un gigantesco e spaventoso drago che terrorizzava la popolazione, pretendendo un sacrificio umano giornaliero per il suo pasto, senza il quale avrebbe devastato gli abitati. Secondo la leggenda San Leucio, allora vescovo di Brindisi, riuscì ad uccidere il drago, riunendo in Atessa i due nuclei di Ate e Tixa che erano separati proprio da Rio Falco. Nella cattedrale dedicata al Santo Patrono della città, è tuttora conservata una reliquia che la devozione popolare considera la costola del drago. La festa di San Leucio si celebra l’11 gennaio. Un altro protettore di Atessa è San Martino abruzzese, nato proprio in città: a lui è dedicata la celebrazione dell’11 novembre. La manifestazione più antica di Atessa, però, si svolge dal 15 al 18 agosto ed è dedicata ai santi Maria Assunta, Rocco, San Leucio ed Emidio. La prima e ultima domenica di maggio, inoltre, si svolge La Ntorcia. Si tratta di un cero portato in processione fino a Fara San Martino: il tragitto può arrivare a durare 17 ore.

Mappa

Proprietà Simili

Immobiliaredercole utilizza i cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l'impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi